venerdì, luglio 28, 2017

Outfit Plus Size: completo tradizionale indiano

outfit plus size tradizionale indiano anarkali rosso
Chi mi segue da diverso tempo conosce bene la mia grande passione per la cultura indiana, ma sul blog non vi ho quasi mai fatto vedere nel particolare nessuno dei miei outfit tradizionali indiani, quindi ho pensato che questo piccolo shooting a tema musica indiana fosse un'ottima scusa per farvi vedere anche questo mio lato e per parlarvi un po' della moda indiana tradizionale.

Prima di tutto dico sempre che il gusto per i colori indossati mi è proprio cominciato con il primo viaggio in India, dove il bianco e il nero sono molto poco usati se non in combinazione con altri colori. Indossare abiti tradizionali, a parte essere un piacere perché sono molto belli e comodi allo stesso tempo, da subito se si viaggia e vive in India come occidentali diventa un'esigenza, un po' per il clima e le norme sociali diverse dalle nostre, un po' per non essere troppo osservati e infastiditi come 'turisti inesperti'. Se vi piace questo tipo di abbigliamento potrei fare nei prossimi tempi un post o un video con vari dei miei outfit spiegandovi tutte le tipologie di abito tradizionale e come va indossato. Fatemi sapere se questa idea vi interessa!

In particolare, in questo outfit indosso un top in stile anarkali, ovvero lungo ad abito e svasato con corpetto più attillato. Il nome Anarkali (letteralmente gemma di melograno) deriva dal nome proprio di un personaggio storico-leggendario che è stato ritratto in un famoso film di Bollywood d'epoca, in cui la protagonista indossa questi completi tradizionali usati nelle corti indo-persiane Mughal e tipici ancora oggi della danza classica indiana kathak che vi veniva eseguita. Tanto ha influenzato il costume questo classico del cinema indiano, che questo tipo di abbigliamento ha preso il nome da questo personaggio femminile ed è tuttora molto amato dalle indiane, specie nelle occasioni di festa.

Anche per l'abbigliamento tradizionale ci sono le mode e le tendenze in India, non solo per quello occidentale, per esempio attualemente sono molto in voga i pantapalazzo indossati con la casacca, in alternativa ci sono dei pantaloni larghi (tipo harem per intenderci) che possono essere semplici (salwar), o con molte pieghe in stile punjabi (patiala), una alternativa popolare sono i leggings 'a cavigliera' (churidar), oppure attualmente per le giovani anche i capri. Meno di tendenza sono considerati i salwar, perché non danno nessuna silhoutte alla figura. Eppure, in India per una plus size l'opzione più proposta sono proprio i salwar perché richiedono meno stoffa e sono più semplici da fare.

La comodità è che i sarti sono a buon prezzo e sono in grado di adattare un completo a qualsiasi misura, ma le opzioni più trendy sono sempre meno disponibili per le taglie grandi. Una ottima soluzione l'ho trovata l'ultima volta che sono stata in India. Ho scoperto la catena chiamata All the Plus Size (purtroppo non spediscono all'estero) che produce abiti anche grandi già pronti e dove ho trovato leggings a cavigliera di molti colori, comodissimi e in taglie anche grandi. Ne ho presi di diversi colori e riesco ad abbinarli a quasi tutte le casacche dei completi che ho. Lo stesso ho fatto per i salwar patiala, ne ho diversi colori da abbinare che ho fatto fare da un sarto che li faceva in tutte le taglie. Da All The Plus Size ho trovato anche alcune casacche in fogge varie, tra cui anche anarkali. Quello che indosso qui, però, l'ho trovato sul sito Utsavsarees da cui avevo già ordinato in passato.

I churidar originali di questo completo sono verdi, ma questi leggings rossi ci sia adattano bene e sono più comodi e freschi, soprattutto per  la posizione seduta. Il pantalone normalmente ha una coulisse che serve a fissarlo in vita, ma i legghings permettono di non stingere la cordicella e sertirsi meno costretti.

Ora hanno una sezione plus size in cui si trovano anche alcuni capi già pronti in taglie anche grandi (vanno a taglie per misura del giroseno), oppure ci sono quelli da far fare su misura. Questo era nella sezione del già pronto e ho approfittato quando è stato in sconto, anche perché oltre alle spese di spedizione dall'India c'è la dogana. Arriva tutto abbastanza presto, comunque, con corriere tracciabile e la comunicazione è buona. Siccome i resi sono molto difficili, vi consiglio, se volete provare ad acquistare, di misurarvi bene. Per fissare la stola, specie se 'scivolosa' come questa in georgette, io uso in genere delle spillette da balia, perché tradizionalmente va indossata per coprire la scollatura.

Specifico che questo tipo di abito necessita di un riforzo come la fodera quindi non sarà adatto alle giornate più calde, mentre se devo vestire all'indiana quando fa molto caldo, preferisco il pantalone largo in cotone con la casacca in cotone più leggero semplice e dritta, che non ha bisogno di fodera.

Il bindi (punto) sulla fronte che ho indossato qui è molto vistoso e tipico delle donne sposate, in India ho iniziato a indossarlo per avere meno attenzioni maschili indesiderate viaggiando come occidentale sola, ma ci ho preso gusto perché amo il rosso, mi dà un tocco più 'vintage Indian', e non impazzisco per le mezze misure per cui i miei bindi in genero o sono micro o sono enormi... In mano, invece, tengo il tanpura, il mio strumento di accompagnamento per il canto classico.

Qui in Italia uso questo tipo di abbigliamento solo per qualche evento a tema o spettacolo, oppure ogni tanto indosso le casacche con pantaloni occidentali e mixo in uno stile fusion che usano anche in India, ma questo tipo di completo avendo il top particolarmente lungo sta bene solo indossato nella versione tradizionale. In India indosso praticamente l'abbiagliamento tradizionale quotidianamente. I sandali non sono indiani, ma hanno uno stile etnico che si adatta perfettamente a un outfit indiano, ogni anno acquisto in saldo almeno un paio di sandali Scholl's anatomici perché sono belli e comodi e li posso portare anche in India, dove si stupiscono sempre che una scarpa per loro 'elegante' sia anche comoda.

outfit plus size tradizionale indiano anarkali rosso
outfit plus size tradizionale indiano anarkali rosso
sandali anatomici pianta larga etnici Scholl
dettagli dell'outfit:
completo casacca in stile anarkali e stola (dupatta) Utsavsarees
leggings rossi 'a cavigliera' (churidar) All The Plus Size India
orecchini mercato a New Delhi
sandali etnici a pianta larga Bioprint di Scholl
 
Se ti piace questo blog ti invito a seguirlo per ricevere sempre gli aggiornamenti leggendo qui come fare e iscrivendoti alla newsletter mensile qui! Per condividere l'articolo puoi cliccare sulle icone in fondo al post. Puoi anche iscriverti a Depop tramite app specifica per vedere quali sono i capi del mio guardaroba spesso nuovi o semi nuovi che svendo, in caso tu non abbia uno smartphone puoi visionarli sul sito e contattarmi alla mail indicandomi cosa ti interessa. Grazie  

disclaimer: non sono stata pagata per citare i prodotti o servizi in questo post e la mia opinione a riguardo è genuina e personale. Le immagini e il contenuto in questo post, se non diversamente specificato, sono coperti da copyright © 2017 divadellecurve, è vietata la riproduzione, distribuzione e l'uso improprio senza autorizzazione scritta dell'autore. Alcuni commenti al blog potrebbero essere moderati e potrebbero non apparire prima della moderazione, mi riservo di cestinare commenti particolarmente offensivi. Le critiche sono bene accette solo se rispettose, questo è un blog di ispirazione ed è mia intenzione mantenere uno spirito positivo.  Non è ammesso spam e uso di stampatello  nei commenti.    Per sapere come mi regolo con le collaborazioni leggi qui       Se hai problemi a commentare con disqus, usa Firefox
Autore Marged Trumper