Consigli personalizzati: abbigliamento curvy per un matrimonio

Questa volta ho ricevuto una richiesta di consigli da Deborah, una ragazza curvy molto carina, che deve andare a un matrimonio il prossimo mese e quindi penso che le cose che dirò potranno interessare anche a tante altre.


Innanzitutto per la cerimonia c'è un dress code da seguire a grandi linee e a seconda dei propri gusti e della propria fisicità. 

Le regole base per l'abbigliamento da cerimonia

  • niente scollature profonde, spalle o cosce scoperte e abiti succinti durante la funzione (basta indossare qualcosa che copra le spalle da eventualmente togliere per i festeggiamenti)
  • collant color nude
  • evitare il bianco, il total black e le tinte troppo sgargiati
  • non esagerare con paillettes, strass, borchie o gioielli
  • all'estero si usa il cappello, da noi non è molto in uso, consiglio un fascinator molto glam se si vuole
  • preferire le tinte unite
I consigli per Deborah

Per quanto riguarda la conformazione a pera di Deborah e le sue preferenze, vedo adatto un abito longuette o al ginocchio con taglio a impero da abbinare a un coprispalle o cardigan corto e scarpe decolleté non particolarmente alte, ma femminili. Data la stagione, consiglio un cappotto  corto possibilmente svasato e, se si soffre il freddo, si può aggiungere un collo in pelliccia sintetica. Per gli accessori, pochette e/o una borsetta e un fascinator possono completare il tutto con eleganza sobria, ma particolare. 

Tre proposte di outfit

In particolare, ho elaborato tre proposte per lei; nella prima ho abbinato il bluette al nero con la scelta tra due abiti, nella seconda ho abbinato il nocciola al nero ravvivati da un tocco di ottanio e nella terza ho abbinato il cipria al burgundy in uno stile un po' vintage e sofisticato.






Dove cercare

Per ulteriori spunti, ho selezionato una varietà di capi nella sua taglia che potrebbero incontrare il suo gusto e essere adatti all'occasione, altrimenti consiglio un giro su siti come Asos, Curvety, Dorothy Perkins, Monsoon, Forever21, Ax Paris, Bonprix, Yours Clothing e Lightingthebox (per quest'ultimo sono da tenere in conto le spese eventuali di dogana). In negozio, invece, se si ha un budget più alto, consiglio Luisa Spagnoli o la linea For.me di Elena Mirò, che arrivano alla 52.

(per vedere la selezione passare il mouse sull'immagine e procedere cliccando sulla freccia)


 
Se ti piace questo blog ti invito a seguirlo per ricevere sempre gli aggiornamenti iscrivendoti via mail o Google Friend Connect, altrimenti puoi seguire il blog attraverso i social network o Bloglovin' (in alto a sinistra dell'header)!
disclaimer: non sono stata pagata per citare i prodotti in questo post e la mia opinione a riguardo è genuina e personale. I prodotti sono acquistati da me o prestati/regalati da amici/parenti se non specificato altrimenti. Non sono responsabile delle opinioni espresse dagli autori dei commenti al blog. Le immagini e il contenuto in questo post, se non diversamente specificato, sono coperti da copyright © 2012 divadellecurve, è vietata la riproduzione, distribuzione e l'uso improprio senza autorizzazione scritta dell'autore. I commenti al blog potrebbero essere moderati e potrebbero non apparire prima della moderazione, mi riservo di cestinare commenti particolarmente offensivi e anonimi. Le critiche sono bene accette solo se rispettose.    Questo sito si vede meglio con Firefox

 

stats

Autore Marged Trumper

ricevi aggiornamenti mensili