giovedì, febbraio 23, 2012

Sfilata Elena Mirò autunno-inverno 2012/2013

photo courtesy ufficio stampa
Si è svolta ieri presso la Fondazione Arnaldo Pomodoro, in occasione della settimana della moda milanese, la sfilata Autunno-Inverno 2012/2013 di Elena Mirò . 


Ho trovato questa collezione molto raffinata, elegante, ma allo stesso tempo estremamente femminile, pur essendo contraddistinta dalla semplicità delle linee. Ci sono molti riferimenti ai trend delle stagioni passate, come il colorblock, il black & white, il total black e l'uso di inserti di pelliccia.

La collezione si distingue per l'accostamento dei materiali che creano giochi di luce ammiccanti; troviamo infatti inserti di pelle e pelliccia, chiffon stampati, cachemere, satin e inserti laminati in argento e oro.


I colori evitano lo scuro eccessivo, a parte qualche parentesi di total black, abbiamo una base di colori nude come cipria, cuoio, cammello, che danno risalto ai flash di ottanio abbinato o monocolore. Si alternano design morbidi che accarezzano le curve a linee più geometriche e squadrate. Affascinanti i maxicappotti dal taglio maschile. 

Queste sono le immagini dei modelli che mi sono piaciuti di più nella collezione, io tra l'altro amo molto l'ottanio e il cipria, soprattutto se abbinati a oro, argento e nero.

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow

Carré Otis showstopper per Elena Mirò, 
fonte immagine: Style.it
vedi l'intero slideshow



Devo dire che in questa bella collezione ho trovato alcuni modelli non proprio pensati per un fisico formoso, come i top molto accollati su total white o accostati a maniche in pelliccia voluminose, certo non facilmente portabili da tutte le conformazioni, ma ho apprezzato davvero l'alternanza a modelli  sensuali con scollature morbide e profonde, come l'uso tattico ed elegante degli spacchi profondi sulle gonne a tubino, che ormai sono un tratto distintivo del brand.


Nel backstage sono stata intervistata da alcune emittenti straniere che mi hanno fatto capire chiaramente di non aver trovato le modelle molto curvy, comunque ho cercato di spiegare loro la situazione del settore plus size in Italia. In effetti, le modelle che in Italia sfilano per il plus size non corrispondono a una taglia morbida, ma sono semplicemente di taglia regolare e si distinguono dalle modelle canoniche perché queste ultime, invece, sono spesso sottopeso. Diciamo che sono delle modelle regolari più in salute.


Come blogger e consumatrice ritengo che usare modelle in cui il consumatore ultimo del prodotto non si rispecchia come corporatura sia un po' contraddittorio. Per questo, mi auguro che in futuro brand importanti come Mirò si distinguano non solo per la scelta di vestire una fascia di consumatrici poco considerate dalla moda, ma che decidano di rappresentarla anche sulla passerella.


Questo è il video ufficiale della sfilata con tutta la collezione, voi che ne pensate?




Infine, alcune foto extra dell'evento...

generations of fashion people... (c) 2012 divadellecurve

Toccara Jones

intervista con una delle emittenti straniere 
foto di Cristina Fogo

photo by Eleonora Matilde Lanzetti



disclaimer: non sono stata pagata per menzionare il marchio e le mie opinioni in merito sono personali e genuine. Non sono responsabile delle opinioni espresse dagli autori dei commenti al blog.
Le immagini e il contenuto in questo post, se non diversamente specificato, sono coperti da copyright © 2012 divadellecurve, è vietata la riproduzione, distribuzione e l'uso improprio senza autorizzazione scritta dell'autore


asosoutlet_468x60