mercoledì, settembre 21, 2011

Miss Curve d'Italia, un successo o no?

Valentina Cammarota,
Miss Curve d'Italia 2011
Il brand Elena Mirò ha sponsorizzato, in questa ultima edizione di Miss Italia conclusasi ieri, l'operazione Miss Curve d'Italia. 'Bene!' molte plus penseranno, ma è stato davvero un passo in avanti e come è andata a finire?

Partiamo dai presupposti... L'intento era quello di dimostrare che la manifestazione non promuove l'eccessiva magrezza e che si voleva venire incontro a una ragazza-tipo più 'in salute', oltre che alle ragazze con misure da modella. Per questo si è deciso di estendere l'iscrizione ad alcune ragazze con taglia 44 e di relegarle alla sezione definita 'Miss Curve d'Italia', appunto.

Molti hanno accolto questa idea come un'apertura effettiva della mentalità legata ai concorsi di bellezza canonici, ma molte più persone hanno ritenuto che una taglia 44 (per di più relegata a contorno) fosse solo un passo illusorio e il solito contentino promozionale per il concorso e il brand.

Io ritengo che il brand Elena Mirò sia su una strada molto ben gestita di apertura delle prospettive della moda, altrimenti comunemente intesa come esaltazione della donna-stampella, però non sono certa che questa operazione Miss Curve d'Italia sia stata un successo in sé e per sé.

partecipanti a Miss Italia 1953,
la differenza con le attuali partecipanti si nota
Relegare delle ragazze con taglia 44 (ma alte 1,80 mt), quindi più che normopeso, a una nicchia collaterale e ribadire che fossero formose (io non ho visto gran curve), forzando quindi la mano alla realtà per volerle far rientrare in una categoria 'di interesse' mi è sembrato contraddittorio. Capisco che molti marchi plus size comincino dalla taglia 44 (che poi una taglia non vuol dire nulla, quando la portavo io ero una ragazzina cicciottella) e che le modelle plus delle sfilate non debbano essere in carne quanto i consumatori finali, in quanto modelle, ma da che mondo e mondo una formosa per dirsi tale deve presentare  delle forme un minimo pronunciate. 

In questo modo le formose non si sono sentite rappresentate e le normopeso si sono sentite discriminate (perché comunque relegate a una sezione particolare).

L'esito? La Miss Curve d'Italia, Valentina Cammarota -una bella ragazza, ma non di certo formosa- non è nemmeno una 44, ma in realtà è una 42. Eh già, date un'occhiata qui

Chloe Marshall, Miss Surrey 2008,
taglia 48
Credo che per vedere delle miss con le curve dovremmo continuare a guardare le foto storiche di Miss Italia negli anni '50 e '60, oppure continuare a guardare i concorsi di bellezza stranieri.

In effetti, in Italia, ancora l'unico concorso dedicato alle grandi forme è Miss Cicciona, dove però la fascia va alla più imponente di peso e non alla più bella, cosa che, insieme con il nome goliardico della manifestazione, concorre a non attrarre la maggior parte delle belle donne in carne del Belpaese verso la gara.

In Inghilterra c'è stato il caso, qualche anno fa, di Chloe Marshall, accettata in un concorso regolare 'nonostante' le sue curve (reali). In quell'occasione c'erano state molte polemiche sulla questione, ma credo che in Italia una ragazza come Chloe non sarebbe mai stata fatta arrivare nemmeno a concorrere. Inutile, comunque, dire che oggi Chloe lavora per un'agenzia di modelle americana e non europea.

Ornella Chiapperini,
Miss Cicciona d'Italia 2011
Io ritengo, in realtà, che le donne potrebbero smettere di rincorrere i concorsi di bellezza come questioni importanti. Si dice che le vere belle non vadano ai concorsi di bellezza e probabilmente è vero, perché la vera bellezza sta anche nella particolarità di ognuno e nella diversità anche esteriore e di come questa venga valorizzata dalla personalità di chi la possiede. 

Per essere davvero originale, Elena Mirò il prossimo anno potrebbe sponsorizzare un concorso per la donna 'con le curve' con più autostima, allora sì sarebbe un esempio!

E voi che ne pensate? Fatemi sapere la vostra in merito... intanto oggi sarò presente alla sfilata Primavera/Estate 2012 di Elena Mirò e presto potrò farvi un resoconto sulle meraviglie a cui so che assisterò!

La Diva delle Curve

contenuti (c) 2011 divadellecurve, le foto provengono da fonti della rete